Immagine

Ciao. Come stai?

Ciao, come stai? Raccontami, come è andata la tua giornata?
Con il lavoro? Immagino che sia stata faticosa anche oggi.

Siediti, rilassati, prendi fiato. Se vuoi parlare, fallo!, io ti ascolto.

Se non hai nulla da dire, stai pure in silenzio, io ti capisco.

Se sei sereno, se tutto va per il verso giusto, raccontami qualcosa di bello, anzi, raccontacelo, affinché chiunque passi di qui possa trarne giovamento.

Se passi di qui… lascia un segno del tuo passaggio.

Ciao

Un angolo di mondo…

C’è un angolo di mondo nel quale la gente non alza mai la voce. Dove nessuno ti manca mai di rispetto. Dove sei totalmente padrone della tua vita.

Quell’angolo di mondo è il tuo mondo ideale e si trova proprio dentro di te. Sono i tuoi pensieri, sono i tuoi sogni, e a nessuno, dico nessuno, dovrai permettere di entrare per fare confusione.

Gianluca Frangella

E poi? Cosa succede?

La vita va presa come la trama di un libro, dove si aprono e si chiudono capitoli; qualcuno bello, qualcun altro meno, ma, in fondo, ogni notte, prima di andare a dormire, mi viene sempre il solito pensiero che dice:

E poi? Cosa succede?

E non vedo l’ora che sia domani, perché muoio dalla voglia di poterlo scoprire.

Gianluca Frangella

Contro vento

Io non lo so

se una risposta esiste oppure no,

ma a questo nostro esistere resisterò

viaggiando contro il tempo

andando contro vento.

Per ora so

che di domande tante ne ho,

ma non a tutte risponderò

perché sono contro tempo,

io viaggio contro vento.

E semmai tornerà

la voglia di rispondere a qualche curiosità

che un dubbio toglie e mille ne lascerà,

andrò contro il vento

cercando di afferrare il tempo.

E acqua sarò, per adattarmi ovunque io sarò,

accettando di gelare in inverno:

mi scioglierò poi con il caldo

perché vado contro vento

perché sono io il mio tempo.

Ascolterai.

Un giorno, sì, tu lo sentirai

il battito nel cuore che mai ti dirà 

la strada giusta quale sarà,

ma andrai contro vento 

andrai contro il tempo.

E pioggia sarai

per nascondere quelle lacrime che hai

rubato a un lamento

tenendo tutto dentro.

Imparerai 

che nella vita in pochi, sai,

sanno andare contro vento

e tu sarai fuori tempo.

Ma diventerai

un corso d’acqua che scorrerà 

fino al mare della serenità 

andando sempre contro vento 

perché sarai padrona del tuo tempo.

Sarai padrona del tuo tempo

andando contro il vento.
Gianluca Frangella

Il labirinto dell’amore

image

Ero solito tenere il cuore aperto,
mentre scrivevo le mie poesie:
mi aiutava a metterci tutta la passione
che gelosamente tenevo nascosta in fondo all’anima.
Quando, all’improvviso, la vidi arrivare
provai a chiudere la porta del cuore,
ma lei era così vicina che riuscì ad entrare.
Si ritrovò da sola a camminare
in un misterioso labirinto di pensieri e parole.
All’inizio le sembrò quasi di sognare,
ma poi si accorse che dietro ogni pensiero
c’era una porta chiusa con scritto sopra Amore.
Si fece largo in quel pensiero distratto,
fitto come uno spino,
si punse, ma riuscì ad afferrare la maniglia.
L’aprì, forse perché convinta ci fosse davvero l’amore,
ma ne uscì un urlo disumano
che squarciò il silenzio.
La paura fu tanta che la richiuse alla svelta
e di colpo  ci fu di nuovo silenzio.
Tutto tornò armonioso,
lei continuò a camminare
tra i giardini in fiore e alti alberi di cui le cime non riusciva a vedere,
fin quando un’altra porta volle aprire.
Anche lì c’era scritto Amore, dietro quel rovo
di fitti pensieri e spogli parole.
Lo so, avrei dovuto far tacere l’anima,
ma era così divertente vederla sfidare
la sorte
che non riuscii ad evitare il desiderio
di voler scoprire fino a che punto
sarebbe potuta arrivare.
Ma non ci fu urlo così spaventoso
da farle pensare che fosse saggio
uscire
che, forse, dietro quelle porte
non avrebbe trovato alcun amore.
E fu quando si convinse di non voler rinunciare
a quel suo vagare senza una mèta
che sentì una sensazione strana
come una forza dentro al petto che la guidò
davanti ad una porticina piccola
difficile da trovare.
Si avvicinò, dovette chinarsi per afferrare
la maniglia.
Lentamente l’aprì,
con gli occhi semichiusi, con un po’ di timore,
e si ritrovò all’improvviso in una stanza buia.
Vide una lacrima di luce, come un piccolo puntino bianco, che appariva e nel nulla spariva.
Era una luce di gioia, con un sensazione di piacere.
Dava pace,
voglia di avvicinarsi a vedere.
Ma a tratti svaniva; e poi alla sua destra
e ora alla sua sinistra
riappariva.
Sembrava sempre lontana,
mai vicina;
lei continuava a inseguirla,
quando di colpo le venne da sussurrare:
“Non temere, non ti voglio far del male”.
La luce si fermò, fissa, immobile.
Non si spense e diventava sempre più grande.
Più grande.
Più grande.
Ci fu un baleno e bagliore accecante.
Chiuse gli occhi, per la troppa luce improvvisa,
li riaprì e si ritrovò davanti ai suoi occhi
luminosi e lucenti.
Lì dentro vi trovò, commossi, i suoi sguardi e capì tutti i suoi silenzi.
Tutto taceva, adesso.
Aveva trovato la strada di quel labirinto.
Dal suo inferno non era fuggita..
E fu così meraviglioso perdersi in quel giardino
in cui nessuno, fino ad allora,
aveva mai trovata la strada.

Gianluca Frangella